Esteri

 
 
 

Biden nominerà un esperto ad hoc per il contenimento della Cina nell’Asia-Pacifico

Biden nominerà un esperto ad hoc per il contenimento della Cina nell’Asia-Pacifico
New York, 13 gen 17:13 - (Agenzia Nova) - Il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, istituirà un nuovo ruolo all’interno del Consiglio di sicurezza nazionale, il “coordinatore per l’Indo-Pacifico”, che si occuperà delle politiche di contenimento della Cina in Asia e che dovrebbe essere ricoperto da Kurt Campbell, già assistente del segretario di Stato per gli Affari dell’Asia orientale e del pacifico nell’amministrazione dell’ex presidente Barack Obama. Lo riporta il quotidiano “Washington Post” citando fonti anonime della squadra di transizione. Il nuovo incarico dovrebbe portare a Campbell “un’ampia gestione delle direttive del Consiglio di sicurezza nazionale sulle questioni legate all’Asia e alla Cina”. Il futuro coordinatore per l’Asia-Pacifico riferirà al consigliere per la Sicurezza nazionale, carica che sarà affidata a Jake Sullivan. Il nuovo Consiglio per la sicurezza nazionale dovrebbe essere ristrutturato con la nomina di altri “coordinatori” cui i “direttori senior” saranno chiamati a riferire. Secondo il “Financial Times”, Biden ha deciso di istituire il nuovo ruolo all’interno della Casa Bianca “in ragione della crescente importanza legata alle minacce provenienti dalla Cina” e della necessità “di integrare meglio le politiche sulla Cina tra le diverse agenzie governative con a capo un esperto di Asia”.

In passato Campbell ha in effetti contribuito a definire la strategia politica nota come “Pivot to Asia”, che a partire dal 2011 diede all’amministrazione Obama una forte propensione a incentrare forze economiche e militari nel continente asiatico nel segno del contenimento strategico della Repubblica popolare. Campbell è inoltre considerato persona vicina sia a Sullivan che al futuro segretario di Stato Tony Blinken ed è ritenuto uno dei “falchi” dem sulla Cina. Assieme a Rush Doshi, che dovrebbe essere nominato direttore per la Cina del Consiglio di sicurezza nazionale, Campbell ha scritto questo mese un articolo sulla rivista “Foreign Affairs” che invita gli Stati Uniti a costituire una coalizione di alleati e partner nell’Indo-Pacifico. “Serve un equilibrio di potere e un ordine che gli Stati della regione riconoscano come legittimo. Allo stesso tempo, serve una coalizione di partner e alleati per affrontare le sfide che la Cina costituisce per entrambi. Un tale approccio può garantire che il futuro dell’Indo-Pacifico sia caratterizzato da equilibrio e apertura piuttosto che da egemonia e sfere d’influenza”, scrivono Campbell e Doshi. (Nys)
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE