BANCHE

 
 
 

Banche: Pelanda a “Nova”, intervento Stato è per bloccare progetto Mustier scissione attività Unicredit

Roma, 01 dic 2020 16:46 - (Agenzia Nova) - C’è “un impegno del governo italiano a dismettere la sua partecipazione in Mps entro il 2021. Unicredit è uno dei candidati principali per poterlo assorbire senza avere un eccesso di stress. L’elemento più importante, in questo momento, sul piano dell’intervento dello Stato è il blocco del progetto di Mustier di fare un’operazione di scorporo dell’Unicredit Italia dal resto, che è più internazionale, come per liberarsi del rischio Italia”. Lo spiega ad “Agenzia Nova” il professor Carlo Pelanda, economista, accademico e politologo, interrogato sull’annuncio da parte dell’amministratore delegato di Unicredit, Jean Pierre Mustier, di ritirarsi dal suo ruolo alla fine del mandato in corso. Questo progetto, sottolinea Pelanda, “sicuramente per un qualsiasi governo” italiano “non va bene, quindi è sicuramente sospettabile un intervento forte, di moral suasion, da parte del governo”, però “è una partita ancora aperta”, anche dopo l'annuncio di Mustier. Interrogato sul possibile ingresso dello Stato, tramite Invitalia, in ArcelorMittal, Pelanda afferma invece che si tratta di qualcosa “in qualche modo di inevitabile, perché l’area non riesce a riassorbire l’eventuale chiusura. Il sito di Taranto è molto importante anche per il sistema dell’acciaio e per l’Italia”. "Mentre è comprensibile l’intervento dello Stato su questioni di emergenza come Taranto”, avverte Pelanda, quello di fare “interventi ulteriori sulla strategia di grandi gruppi privati è un qualcosa che merita valutazioni più complesse. Se non ci fossero sarebbe meglio, nel senso che l’interesse nazionale vero non è che ci sia lo Stato che interviene dappertutto, ma che ci sia sufficiente mercato dentro i confini nazionali affinché ci siano soluzioni di mercato naturale”. Quindi, conclude Pelanda, “va bene per Taranto, sospenderei il giudizio su Unicredit”. (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE