THAILANDIA

 
 
 

Thailandia: la Corte costituzionale respinge una petizione per l'estromissione del premier Prayuth

Bangkok, 02 dic 2020 09:48 - (Agenzia Nova) - La Corte costituzionale della Thailandia ha respinto una petizione sottoposta dal leader dell’opposizione Sompong Amornvivat per estromettere dal suo incarico il capo del governo Prayuth Chan-o-cha, accusato di aver violato la Costituzione abitando in una casa finanziata dai vertici militari nonostante si fosse già congedato da capo delle forze armate. Lo riferiscono i media locali. La sentenza arriva in un contesto di forti tensioni in Thailandia, dove da settimana i manifestanti scendono in strada a migliaia per chiedere le dimissioni di Prayuth, una profonda riforma della Costituzione e una decisa limitazione dei poteri della monarchia. Il premier era salito al potere nel 2014 a seguito di un colpo di Stato militare e aveva vinto le elezioni dell’anno successivo, aiutato secondo l’opposizione da una riforma del sistema elettorale scritta ad hoc dalla giunta militare. A inizio settimana il premier si era detto “non preoccupato” dall’imminente sentenza della Corte costituzionale. “L’unica cosa che mi preoccupa è tenere il Paese, la religione e la monarchia al sicuro”, aveva dichiarato. (Fim)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE