ENERGIA

 
 

Energia: premier romeno Orban, gasdotto Brua è investimento per l'Europa

Bucarest, 30 nov 2020 10:37 - (Agenzia Nova) - Il completamento del gasdotto Brua (Bulgaria, Romania, Ungheria e Austria) è un investimento estremamente importante per la Romania e per l'Europa, in quanto consente la diversificazione delle fonti di approvvigionamento di gas naturale dell'Unione europea. Lo ha detto il premier romeno Ludovic Orban, che si è recato nella contea di Caras-Severin (sud ovest della Romania) dove ha visitato la stazione di compressione del gas naturale di Jupa. La stazione fa parte del gasdotto Brua, la cui prima fase di costruzione è terminata ieri. Il primo ministro ha anche affermato che il gasdotto Brua è estremamente importante per l'utilizzo ottimale dei giacimenti di gas naturale di cui dispone la Romania. "Sono lieto che possiamo segnare il completamento di un investimento estremamente importante non solo per la Romania, ma per tutta l'Europa. È noto che il progetto del gasdotto Brua ha il ruolo di diversificare le fonti di approvvigionamento di gas naturale dell'Unione europea, principalmente collegandosi al gasdotto Transadriatico (Tap), che porta il gas dall'Azerbaigian. Inoltre, ci sono diversi possibili collegamenti che possono consentire questa diversificazione delle fonti di approvvigionamento di gas naturale, di cui la Romania ha tanto bisogno”, ha dichiarato Orban.

Secondo il premier romeno, inoltre, “il gasdotto Brua è estremamente importante, insieme ad altri investimenti, per l'utilizzo ottimale dei giacimenti di gas naturale di cui dispone la Romania". Il capo del governo di Bucarest ha sottolineato che il modo in cui è stato gestito questo progetto è riuscito a ridurre il costo finale dell'investimento di circa l'11 per cento, da un valore inizialmente stimato di 480 milioni di euro a 423 milioni di euro. "Questo progetto ha beneficiato di finanziamenti europei non rimborsabili per quasi 180 milioni di euro, dal meccanismo per collegare l'Europa, il resto del finanziamento fornito da Transgaz (operatore romeno per il trasporto del gas) tramite prestiti, in ottime condizioni che sono state negoziate con la Banca europea per gli investimenti e con la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo ", ha affermato Orban sottolineando che la Romania ha adempiuto ai propri obblighi nei confronti dei partner europei per quanto riguarda il gasdotto Brua.

"Naturalmente, questa è la prima fase del Brua. Abbiamo adempiuto ai nostri obblighi nei confronti dei nostri partner europei. Per completare il Brua, ovviamente, servono anche alcune cose che non dipendono da noi, ma dai partner Bulgaria e Ungheria. E siamo fiduciosi che alla fine, una politica che è fissata a livello europeo sarà attuata da tutti i nostri partner", ha detto Orban. Il premier ha inoltre evidenziato che Transgaz, la società che ha realizzato il progetto Brua in Romania, sta sviluppando anche altri progetti importati sulla linea del gas naturale. "Il primo obiettivo di investimento da raggiungere nel prossimo periodo sarà quello di garantire il collegamento tra Brua e i giacimenti di gas naturale del Mar Nero attraverso il gasdotto Podisor-Tuzla, che praticamente collega il giacimento di gas naturale dal Mar Nero e gasdotto Brua per una capitalizzazione superiore di questi giacimenti di gas. Inoltre, molte condutture di gas naturale sono in corso o stanno per iniziare ", ha detto il primo ministro.

Anche il presidente romeno Klaus Iohannis ha visitato la stazione di compressione di gas naturale a Jupa, definendo il gasdotto Brua come “il progetto più ambizioso nel campo dell'energia” che contribuisce al rafforzamento della sicurezza energetica sia per la Romania che per l'Europa. "La metà delle famiglie romene continua a riscaldarsi con legna da ardere che danneggia la salute e inquina l'ambiente. Collegare la popolazione alla rete del gas naturale è una priorità ", ha osservato Iohannis. "Attraverso l'interconnessione di Brua lungo il Corridoio verticale e attraverso la materializzazione degli sfruttamenti offshore nel Mar Nero - che speriamo inizi il prima possibile - la Romania dispone di risorse reali per diventare un attore importante nella regione sul mercato del gas”, ha dichiarato il presidente.

Il capo dello Stato ha spiegato che le forniture di gas naturale provenienti da nuove fonti saranno in grado di soddisfare meglio la domanda del mercato interno e porteranno a una maggiore prevedibilità e sicurezza dell'approvvigionamento per i consumatori romeni. Il progetto Brua mira a collegare attraverso una rete di gasdotti Bulgaria, Romania, Ungheria e Austria con il Corridoio meridionale del gas, il progetto infrastrutturale che trasporta il gas prodotto dall'Azerbaigian sino all’Italia grazie al Tap. La compagnia romena Transgaz ha annunciato che il primo test di consegna del gas attraverso il gasdotto Brua sul percorso Romania-Ungheria sarà effettuato a partire dai prossimi giorni. (Rob)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE