SOMALIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Somalia: fonti stampa, morto ufficiale della Cia in circostanze non chiarite (2)

New York, 26 nov 2020 14:08 - (Agenzia Nova) - Nelle ultime settimane sono andati aumentando gli attacchi jihadisti contro i militari internazionali. Lo scorso 18 novembre un convoglio Amisom è stato oggetto di un attentato con un ordigno artigianale fatto esplodere a distanza sul ciglio della strada nel distretto di Karan, nella capitale Mogadiscio - episodio dopo il quale i militari hanno aperto il fuoco sulla folla provocando diversi feriti -, mentre il 23 novembre due ordigni sono stati fatti esplodere vicino alla base di Balidogle al passaggio di un convoglio di militari addestrati dagli Stati Uniti. Nel rivendicare l'attentato, al Shabaab ha dichiarato di aver ucciso 12 militari e distrutto 2 veicoli dell'esercito. Sempre più frequenti, infine, gli attacchi condotti sul territorio somalo contro basi keniote. Nella notte fra il 24 e il 25 novembre miliziani di al Shabaab hanno attaccato le basi di Hosingow e Abdalla-Birole, situate nella regione somala del Basso Giuba e che ospitano militari kenioti. Lo riferisce "Morad News", precisando che nelle stesse ore i jihadisti hanno attaccato anche basi militari ugandesi nelle città di Brava, Genale e Bulomarer, situate nel Basso Scebeli. Le posizioni militari attaccate sono considerate strategiche per l'azione jihadista e negli ultimi dieci anni sono state sottratte ai miliziani grazie all'intervento delle forze dell'Unione africana, la missione Amisom. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE