GERMANIA

 
 
 

Germania: gli economisti approvano l'aumento della spesa pubblica contro la crisi

Berlino, 26 nov 2020 17:10 - (Agenzia Nova) - Tra i maggiori economisti tedeschi è solido il consenso per la necessità e la sostenibilità dell'aumento della spesa pubblica, deciso dal governo federale per far fronte alla crisi del coronavirus. Come riferisce il quotidiano “Handelsblatt”, secondo gli scienziati economici, “finché dura la crisi, il governo non dovrebbe passare a politiche di austerità”. Sulla questione è intervenuto Lars Feld, presidente del Consiglio degli esperti per l'analisi degli sviluppi macroeconomici (Svr). Si tratta del gruppo di economisti tedeschi noto come i “Cinque saggi”, che dal 1963 esercita funzioni consultive per il governo federale. Per Feld, “l'economia verrebbe danneggiata se lo Stato iniziasse a risparmiare ora”. Inoltre, “in Germania, la politica finanziaria ha un ampio margine di manovra, la sostenibilità delle finanze pubbliche non è affatto in discussione”. Per sostenere la risposta alla crisi, il ministero delle Finanze tedesco prevede un indebitamento netto di 160 miliardi di euro nel 2020 e di 180 nel 2021. Nel rapporto annuale dell'11 novembre scorso, lo Svr ha ipotizzato per la Germania un rapporto tra debito pubblico e Pil del 72 per cento nel 2020 e del 71 per cento nel 2021. Pertanto, ha osservato Feld, “un successivo consolidamento dovrebbe essere fattibile senza problemi”. Su posizioni analoghe si è schierato Clemens Fuest, presidente dell'Istituto per la ricerca economica di Monaco di Baviera (Ifo). Allo stesso tempo, Fuest ha precisato che gli aiuti pubblici all'economia devono essere i più mirati possibile. (Geb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE