KIRGHIZISTAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Kirghizistan: elezioni presidenziali in programma il 10 gennaio 2021 (7)

Bishkek, 24 ott 2020 09:45 - (Agenzia Nova) - In Kirghizistan si è aperta un'acuta crisi politica all'indomani delle contestate elezioni legislative, a seguito delle quali solo una forza dell'opposizione era riuscita a superare la soglia di sbarramento del sette per cento. Manifestanti dell'opposizione hanno occupato le principali sedi istituzionali della capitale, liberato l'ex presidente Almazbek Atambaev e spinto alle dimissioni il premier Kubatbek Boronov e il suo governo. Successivamente, la Commissione elettorale centrale (Cec) ha acconsentito all'annullamento del voto e il presidente Jeenbekov si è detto disposto a dimettersi dopo il varo di un nuovo esecutivo. La situazione è stata aggravata da scontri in piazza avvenuti il 9 ottobre tra fazioni rivali dell'opposizione, una facente capo all'ex presidente Atambaev e la seconda legata all'ex deputato nazionalista Japarov, entrambi leader scarcerati nel quadro dei disordini. Gli scontri hanno portato al ferimento di uno dei leader delle proteste, Tilek Toktogaziev. Il giorno dopo, Atambaev è stato nuovamente arrestato, mentre Japarov ha ottenuto l'appoggio di una parte delle forze parlamentari ed è stato eletto premier ad interim sulla base di un programma in dieci punti volto a ristabilire l'ordine costituzionale nel Paese. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE