Interni

 
 

I fatti del giorno – Italia

Roma, 25 nov 2020 12:00 - (Agenzia Nova) - Covid: Boccia, distribuzione vaccini non a carico delle Regioni - "Sul vaccino c'è una visone comune e la priorità è massima. Solitamente per la distribuzione dei vaccini se ne occupano le Regioni, in questo caso, sarà compito del commissario straordinario, Domenico Arcuri, in raccordo con loro". Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia, durante la trasmissione "Omnibus" su La 7.

Covid: Speranza, in settimana possibile nuovo abbassamento Rt - "Da alcune settimane abbiamo dei segnali incoraggianti, come il valore Rt sceso ad 1.18. E’ possibile che già questa settimana possa esserci un numero ancora più basso”. Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervistato su Corriere.it nel corso di un dibattito sulla sanità futura. Allo stesso modo è vero che nonostante gli "effetti" delle misure, "siamo in una situazione molto seria con una pressione sul sistema ancora significativa, una circolazione del virus con numeri alti che non possono farci abbassare la guardia". La partita "è ancora dura ma sta andando nella direzione giusta" e a maggior ragione "non dobbiamo commettere fughe in avanti", ha concluso.

Trasporti: De Micheli, necessari riforma Tpl - E' necessaria una riforma del sistema del trasporto pubblico locale (Tpl). Lo ha detto la ministra dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, durante la seconda edizione del convegno online "Sustainability Day Acea". "Oggi possiamo trasformare il Tpl in un luogo efficiente e sicuro e rispondere alla paura che c'è stata invece a settembre, con la riapertura delle scuole e delle attività", ha sottolineato la ministro che si è detta poi sorpresa dell'alto livello di collaborazione e condivisioni sul Tpl "con i paesi europei, in particolare i francesi e tedeschi soprattutto durante la pandemia".

Covid: Confturismo su stop allo sci, a rischio 2,4 miliardi di consumi in località arco alpino - La permanenza dell’obbligo di chiusura degli impianti nei comprensori sciistici, attualmente previsto dal Dpcm del 3 novembre, genera effetti fortemente penalizzanti per tutta la filiera turistica e le attività collegate in quanto, di fatto, azzera i flussi di turismo bianco con una perdita stimata della spesa in quelle aree - tra alloggio, ristorazione, impianti sciistici, shopping, intrattenimento e servizi vari - pari a circa 2,4 miliardi di euro solo nell’arco alpino tra dicembre e marzo. Cifra a cui si deve aggiungere anche la mancata spesa per l’acquisto di accessori, abbigliamento e attrezzature per lo sci e l’ulteriore perdita di spesa complessiva derivante dalle altre località sciistiche del nostro Paese. Una situazione di forte preoccupazione per imprese e lavoratori del settore, soprattutto in vista delle prossime festività natalizie, che corrono il rischio di vedere compromessa la stagione invernale, che rende necessario e urgente un “coordinamento neve”, anche a livello europeo: è quanto si legge in una nota di Confturismo-Confcommercio sugli effetti economici sull’economia dell’arco alpino derivanti dalla chiusura degli impianti sciistici. In condizioni di normalità – prosegue la nota – il numero di presenze turistiche complessive atteso nello stesso periodo in quell’area, inteso come numero di notti a destinazione, è di circa 20 milioni. Cifra che contempla anche il numero dei turisti presso le seconde case di proprietà ed esclude gli “escursionisti”, cioè coloro che vanno e vengono in giornata senza pernottare. E anche nell’ipotesi di una riapertura degli impianti – conclude Confturismo – sempre tenendo conto delle restrizioni alla mobilità dei turisti sia per l’ingresso dai confini nazionali sia per lo spostamento tra Regioni/Aree del Paese, verrebbero a mancare oltre 12 milioni di notti a destinazione pari ad una perdita stimata di spesa di almeno 1,7 miliardi di euro.

Legge Bilancio: Salvini, con Berlusconi e Meloni lavoriamo a posizione comune - "Stiamo lavorando per una posizione comune, per un voto comune, a partire dallo scostamento di Bilancio, perché uniti si vince”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini nel corso della conferenza stampa dal titolo "Progetto droga zero", organizzata al Senato. “Ci stanno lavorando i parlamentari in queste ore – ha spiegato -. A breve avrò un incontro a distanza con Meloni e Berlusconi. L'obiettivo è quello di unire idee e azioni".

Infrastrutture: De Micheli, abbiamo sbloccato opere per oltre 17 miliardi - "Dal mio insediamento, abbiamo sbloccato opere infrastrutturali per oltre 17 miliardi, ovvero opere di importo pari ad oltre un miliardo di euro per ciascun mese di governo". Lo ha sottolineato la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, durante il question time alla Camera, rispondendo a un'interrogazione di Fratelli d'Italia sui tempi di adozione dei decreti del presidente del Consiglio dei ministri per l'individuazione degli interventi infrastrutturali caratterizzati da un elevato grado di complessità e per la nomina dei relativi commissari straordinari. "L’elenco delle opere è pubblicato sul sito istituzionale del Mit ed ho provveduto ad effettuare una specifica informativa al Consiglio dei ministri. Inoltre – ha aggiunto – il Mit ha assegnato agli enti territoriali, per progetti specifici, risorse che ammontano a oltre 11 miliardi e mezzo di euro, cui vanno aggiunte le opere pubbliche appaltate dai provveditorati e le opere di competenza dei concessionari autostradali".

Migranti: Conte, Italia e Spagna unite per il superamento di Dublino - Quando si abita in una casa comune, come è l’Unione europea, non bisogna concentrarsi solo sui vantaggi e sulle comodità ma anche assumersi gli oneri e le responsabilità. Lo ha detto parlando dell’immigrazione il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nella conferenza stampa congiunta con il premier spagnolo, Pedro Sanchez, dopo il vertice intergovernativo tenutosi oggi a Palma di Maiorca. Conte ha parlato di “difficile convergenza” di tutti paesi europei sul fronte dell’immigrazione, anche se è già stata sperimentata una risposta comune europea su fronte economico “che sembrava impossibile”. "Dopo aver studiato il regolamento di Dublino mi convinsi che andava cambiato, ma subito mi dissero che era impossibile", ha ricordato Conte. Gli accordi di Dublino rappresentano, secondo Conte, un “collo di bottiglia legislativo” per cui migranti rimangono nel Paese di primo approdo. Il premier ha quindi sottolineato che Italia e Spagna sono al lavoro per superare il regolamento Dublino. “Abbiamo il vantaggio, Italia e Spagna, di avere una visione ed un approccio assolutamente assimilabile che ci rende forti e determinati”, ha concluso Conte.

Mes: Gualtieri riferirà in commissione e non in Aula, bocciata richiesta opposizione - L'Aula del Senato ha bocciato la proposta di Forza Italia e di Fratelli d'Italia che chiedevano al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri di riferire in Aula e non nelle commissioni Finanze e Politiche Ue sull'Eurogruppo del 30 novembre e sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità (Mes). La Lega ha votato la richiesta di FI e Fd'I, ritirando polemicamente la sua proposta, che chiedeva la modifica del calendario approvato a maggioranza nella conferenza dei capigruppo.

Covid: Boccia, modello monitoraggio non lo decide in autonomia il ministero della Salute - Il modello di monitoraggio sul Covid-19 non lo decide il ministero della Salute in autonomia, ma è sul tavolo ogni venerdì di tutti i presidenti di Regione e ci arriva dopo il lavoro fatto dalla cabina di regia, dove siedono tre rappresentanti delle Regioni. Lo ha sottolineato il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, durante il question time alla Camera, nel rispondere all’interrogazione sulla proposta di ridefinizione dei parametri per la determinazione del rischio sanitario avanzata dalla Conferenza delle Regioni (Molinari - Lega). L’esponente dell’esecutivo ha continuato: “Vogliamo tenerla bassa la curva" del contagio "nel mese di dicembre e a gennaio. Già domani riprenderà il confronto con le Regioni in vista del prossimo decreto del presidente del Consiglio dei ministri (dpcm). Abbiamo chiesto una valutazione scientifica ulteriore".

Legge Bilancio: conclusa riunione centrodestra, posizione unitaria su scostamento - Si è appena conclusa la riunione tra il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il leader della Lega, Matteo Salvini e la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. I tre leader del centrodestra si sono incontrati per parlare di misure economiche, manovra e scostamento di bilancio. Nel corso dell'incontro è stata ribadita l'unità e la compattezza indiscutibile della coalizione. I tre partiti hanno dato mandato immediato a un gruppo di esperti affinché preparino un documento unitario con proposte comuni da presentare al governo e sul quale chiederanno una risposta formale. Il centrodestra avrà una posizione unitaria in occasione del voto sullo scostamento di bilancio. (Rin)
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE