SARDEGNA

 
 

Sardegna: 930mila euro ai comuni per gestione, tutela e valorizzazione della rete ecologica regionale

Cagliari, 20 nov 2020 08:36 - (Agenzia Nova) - La Regione Sardegna ha stanziato 930mila euro per il 2020 destinati alle spese per la gestione della 'Rete Natura 2000', che comprende Sic (Siti di importanza comunitaria), Zps (Zone di protezione speciale) e Zsc (Zone speciali di conservazione). Il finanziamento potrà essere utilizzato, in particolare, per delimitare i perimetri dei siti, in maniera utile anche per i cacciatori; realizzare cartellonistica didattico-informativa sulle specie e sugli habitat; predisporre azioni di informazione e di sensibilizzazione rivolte alla cittadinanza; altre attività di tutela e di valorizzazione per un'efficace gestione dei siti. "Con il Programma regionale di sviluppo (Prs) 2020-2024 sono state delineate le strategie e gli obiettivi per i cinque anni di governo – ha detto l'assessore all'Ambiente, Gianni Lampis - prevedendo lo sviluppo e il rafforzamento della Rete ecologica regionale della Sardegna, costituita, oltre che dal sistema dei parchi e delle aree marine protette, anche dalle aree 'Natura 2000', con l'obiettivo di migliorarne la gestione e contribuire alla valorizzare della biodiversità, funzionale anche al contrasto e all'adattamento ai cambiamenti climatici".

Il contributo (930mila euro) sarà erogato in parti uguali ad undici Comuni, dotati del piano di gestione, che hanno nel proprio territorio una percentuale di superficie di siti 'Natura 2000' almeno pari o superiore al 50 per cento ed almeno tre siti: Montresta (superficie Natura 2000: 31.360.066 mq; superficie del Comune: 31.360.066 mq) con 3 siti; Silanus (41.811.927 mq; 47.793.166 mq) con 3 siti; Bosa (106.786.282 mq; 128.358.893 mq) con 3 siti; Bortigali (55.738.602 mq; 67.336.128 mq) con 4 siti; Bolotana (77.859.307 mq; 108.472.484 mq) con 3 siti; Sinnai (125.123.812 mq; 223.313.224 mq) con 4 siti; Oschiri (114.503.374 mq; 215.160.270 mq) con 3 siti; Cagliari (45.153.349 mq; 85.055.778 mq) con 6 siti; Assemini (60.989.976 mq; 116.988.139 mq) con 4 siti; Arbus (136.953.008 mq; 269.315.551mq) con 7 siti; Porto Torres (52.757.951 mq; 104.318.789 mq) con 4 siti.

"La Regione – ha precisato l'assessore Lampis – ha collaborato fattivamente con gli enti locali dove sono presenti i siti della 'Rete Natura 2000', delegando sia la predisposizione degli appositi piani di gestione che la realizzazione di interventi di tutela e valorizzazione, finanziati prevalentemente con risorse comunitarie del Por Sardegna, ma anche con altre fonti. Grazie a questa proficua collaborazione, abbiamo deciso di assegnare le risorse direttamente alle Amministrazioni per finanziare prioritariamente le azioni inserite nei piani di gestione". (Rsc)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE