GIAPPONE-REGNO UNITO

 
 

Giappone-Regno Unito: firmato accordo di libero scambio post-Brexit

Tokyo, 23 ott 2020 05:58 - (Agenzia Nova) - Giappone e Regno Unito hanno firmato oggi un accordo bilaterale di libero scambio post-Brexit, aprendo la strada alla sua attuazione il primo gennaio del prossimo anno per garantire continuità nel commercio e negli investimenti oltre la fine del periodo di transizione di Londra fuori dall'Unione europea (Ue). Lo riferisce l'agenzia giapponese "Kyodo". Il ministro degli Esteri giapponese Toshimitsu Motegi e il segretario britannico per il commercio internazionale Liz Truss hanno firmato l'accordo a Tokyo. Il patto, che replica in gran parte l'attuale accordo di libero scambio tra Giappone e Ue, entrerà in vigore dopo le procedure di ratifica interne. I due paesi avevano negoziato l'accordo poiché il patto Giappone-Ue non coprirà il Regno Unito dopo il completamento del periodo di transizione Brexit a dicembre. Mentre le aziende giapponesi accolgono con favore l'accordo, quelle con sede nel Regno Unito e che operano nell'Europa continentale sono ancora diffidenti sul fatto che Londra raggiungerà un accordo di libero scambio con il blocco entro la fine del periodo di transizione.

Senza un tale accordo, le attività europee delle aziende giapponesi potrebbero essere interrotte. L'accordo con il Giappone è il primo patto commerciale del Regno Unito con una grande economia dopo l'uscita dall'Ue nel gennaio 2020, poiché deve ancora concludere i colloqui commerciali con il blocco, gli Stati Uniti, l'Australia e la Nuova Zelanda. È anche un passo importante verso l'obiettivo di Londra di aderire al Patto commerciale regionale del partenariato trans-pacifico, che copre 11 paesi tra cui Giappone, Australia e Messico, che rappresentano circa il 13 per cento dell'economia globale. Il nuovo accordo rimuove gradualmente le tariffe sulle auto giapponesi fino a zero nel 2026, che è la stessa dell'accordo Giappone-Ue esistente, mentre Londra eliminerà immediatamente le tariffe sui vagoni ferroviari e sui ricambi auto. Le tariffe giapponesi sui prodotti agricoli britannici sono mantenute allo stesso livello dell'accordo con l'Ue. Le norme sul commercio elettronico e sui servizi finanziari sono diventate più ambiziose del patto Giappone-Ue, compreso il divieto per i governi di richiedere alle imprese di divulgare algoritmi utilizzati nella tecnologia di intelligenza artificiale e dati di crittografia. Dopo aver avviato i negoziati a giugno, Motegi e Truss hanno raggiunto un accordo sostanziale sulla maggior parte delle aree in agosto dopo i colloqui a Londra e hanno concluso un accordo di principio a settembre tramite videoconferenza. (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE