POLONIA

 
 
 

Polonia: nel 2030 molte emissioni in Ue arriveranno dall'industria energetica polacca

Varsavia, 09 nov 10:51 - (Agenzia Nova) - Nel 2030 l'industria energetica della Polonia sarà tra i principali responsabili delle emissioni di CO2 in Unione europea. E' quanto risulta da un stima del centro studi Ember sulla base dei piani nazionali in materia di clima ed energia. Secondo quanto riporta l'agenzia di stampa "Pap", l'analisi del centro attribuisce alla Polonia la maggior quantità di emissioni di CO2 per megawatt di elettricità, 566 kg. Seguono Repubblica Ceca (435 kg), Bulgaria (365 kg), e Germania (248 kg). La media Ue è invece di 153 kg per megawatt. Secondo le previsioni di Ember, nel 2030 solo cinque Paesi dell'Ue faranno ancora uso di carbone. A parte la Polonia si tratta di Repubblica Ceca, Bulgaria, Germania e Romania. In termini di volume di produzione dal carbone, solo la Germania farà peggio della Polonia. Il centro studi afferma che, nonostante lo sviluppo rapido e significativo delle fonti rinnovabili, nel 2030 ancora un quarto dell'energia elettrica prodotta in Ue dipenderà da fonti fossili. Tuttavia un 40 per cento sarà ascrivibile all'eolico e al solare (con Danimarca, Spagna e Paesi Bassi a fare da leader con oltre il 60 per cento). La Polonia si affiderà a queste due fonti per poco più del 20 per cento della sua produzione totale. (Vap)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE