FRANCIA

 
 
 

Francia: ministro Lavoro, telelavoro durante la quarantena obbligatorio e non è "opzionale"

Parigi, 29 ott 19:33 - (Agenzia Nova) - Durante la quarantena che scatterà in Francia da domani, 30 ottobre, e rimarrà in vigore almeno fino al primo dicembre, il telelavoro non sarà "un'opzione" ma "un obbligo". Lo ha detto il ministro del Lavoro, Elisabeth Borne, durante la presentazione dei dettagli del provvedimento. "Quest'obbligo sarà inserito nel nuovo protocollo nazionale del lavoro nell'impresa", ha spiegato Borne. Per sostenere aziende e lavoratori, il governo ha previsto un dispositivo da 15 miliardi di euro al mese. Lo ha annunciato il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire. Nel dettaglio, 6 miliardi di euro andranno al fondo di solidarietà, 7 miliardi alla cassa integrazione, un miliardo per l'esonero dal pagamento dei contributi e un altro miliardo per aiutare le aziende a pagare gli affitti. La società potranno chiedere un anno di proroga per rimborsare il prestito garantito dallo Stato. "La quarantena è un duro colpo per tutte le aziende, con 200 mila commerci obbligati a chiudere", ha continuato Le Maire, promettendo che "il sostegno economico dello Stato sarà ancora più forte di quello della prima quarantena". Durante la presentazione ha preso la parola anche il ministro della Salute, Olivier Veran: "aumentiamo il numero di letti destinati a curare i malati di Covid nell'insieme del parco ospedaliero, pubblico e provato", ha affermato. Veran ha poi annunciato che in Francia ci sono già state 40 evacuazioni sanitarie di malati, trasportati da ospedali troppo affollati ad altri con meno degenti. (Frp)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE