UE

 
 
 

Ue: Eurostat, nel secondo trimestre calo del 6 per cento dei lavoratori sportivi

Bruxelles, 27 ott 13:33 - (Agenzia Nova) - Il numero totale di lavoratori sportivi è diminuito del 6 per cento nel secondo trimestre del 2020 rispetto al primo. Questi i dati di Eurostat, l'Ufficio di statistica dell'Unione europea. Nel secondo trimestre del 2020, nell'Unione europea, erano impiegate nel settore dello sport e del fitness 801.700 persone di età superiore ai 15 anni nell'Unione europea, pari allo 0,4 per cento dell'occupazione totale. La maggior parte degli operatori sportivi erano uomini (57 per cento) e quasi uno su due (48 per cento) aveva un'età compresa tra i 15 ei 34 anni. Quasi un terzo (30 per cento) aveva 35-49 anni e il 23 per cento aveva 50 anni o più. Eurostat ha sottolineato che, rispetto al primo trimestre del 2020, il numero totale di lavoratori sportivi è diminuito del 6 per cento e i giovani lavoratori sportivi di età compresa tra 15 e 34 anni sono stati i più colpiti (-18 per cento per le donne, -13 per cento per gli uomini). Per l'Ue nel suo insieme, nel secondo trimestre del 2020, c'erano 215 lavoratori sportivi ogni 100 mila abitanti di età pari o superiore a 15 anni. Tra i singoli Stati membri dell'Ue, la Svezia ha registrato di gran lunga il più alto tasso di lavoratori sportivi (583 per 100 mila abitanti di età pari o superiore a 15 anni), seguita da Cipro (340), Irlanda (327), Finlandia (316) e Danimarca (310) . Al contrario, i tassi più bassi sono stati registrati in Belgio (81 lavoratori sportivi ogni 100 mila abitanti dai 15 anni in su) e Romania (87), seguiti da Polonia (109), Cechia (123) e Slovacchia (128). (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE