PERù

 
 
 

Perù: Congresso voterà il 31 ottobre su avvio procedimento contro presidente Vizcarra

Lima, 24 ott 2020 13:29 - (Agenzia Nova) - Il Congresso del Perù voterà il prossimo 31 ottobre per decidere se ammettere o meno alla discussione una nuova mozione di sfiducia contro il presidente Martin Vizacarra. Il partito peruviano Unione per il Perù (Upp) ha presentato una nuova mozione di sfiducia contro il presidente Martin Vizcarra, accusato di avere ricevuto tangenti, per un valore di 2,3 milioni di sol (circa 500 mila euro), per la concessione di opere pubbliche quando era governatore della regione di Moquegua. La mozione, riferisce il quotidiano “El Comercio”, è stata firmata anche dai deputati di Podemos Perú, Frente Amplio, da un indipendente (Cesar Gonzales Tuanama, ex Somos Perú), e dai deputati di Accion Popular, riuscendo a superare le 26 firme necessarie per avviare il procedimento. Perché la mozione sia ammessa al dibattito c’è bisogno del voto di almeno il 40 per cento dei deputati, ovvero 52, mentre per far passare la mozione sono necessari 87 voti.

Questa settimana il procuratore peruviano German Juarez, membro della squadra speciale Lava Jato, ha avviato una indagine preliminare nei confronti del presidente Martin Vizcarra, per collusione e associazione illecita per delinquere per reati commessi quando ricopriva l’incarico di governatore della regione di Moquegua. Al centro dell’attenzione degli inquirenti, riferisce il quotidiano "El Comercio", ci sono presunti pagamenti illeciti versati dalle imprese incluse nel cosiddetto “club delle costruzioni” per aggiudicarsi due opere pubbliche: l’ospedale di Moquegua e il progetto per l’ampliamento della frontiera agricola Lomas de Ilo. Insieme a Vizcarra sono indagati Elard Tejeda, titolare dell'azienda Obrainsa; Fernando Castillo Dibos, proprietario della società di costruzioni Iccgsa; Rafael Granados, ex manager dell’Iccgsa e l'ex ministro dell'Agricoltura José Manuel Hernandez. Si tratta della seconda mozione di sfiducia per Vizcarra in meno di due mesi. Lo scorso settembre il Congresso ha respinto una prima mozione contro il capo dello stato, che alcune registrazioni audio legano ai controversi contratti sottoscritti dal ministero della Cultura con il cantante Richard Swing. (Mec)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE