MYANMAR

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Myanmar: i donatori per la comunità rohingya non raggiungono l'obiettivo fissato dall'Onu

Naypyidaw, 22 ott 18:03 - (Agenzia Nova) - La conferenza internazionale dei donatori per i rifugiati rohingya si è tenuta nella giornata di oggi, 22 ottobre, ma non è stato raggiunto l'obiettivo di oltre un miliardo di dollari fissato dalle Nazioni Unite. L'incontro, organizzato congiuntamente da Stati Uniti, Regno Unito, Unione europea e Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), ha ospitato oltre 35 alti funzionari di diversi Paesi per discutere sulla necessità di intensificare gli sforzi volti a trovare soluzioni a beneficio del popolo rohingya in fuga sia all'interno, sia fuori dal Myanmar. Pertanto il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, ha ha confermato una donazione di 63 milioni di dollari da destinare in aiuti per i rohingya e per aiutare il Bangladesh ad affrontare la pandemia di coronavirus e i suoi frequenti disastri naturali. Anche il vice segretario di Stato degli Stati Uniti, Stephen Biegun, ha annunciato quasi 200 milioni di dollari di assistenza umanitaria. L'Unione europea, invece, ha mobilitato un totale di 96 milioni di euro per i rifugiati rohingya nel 2020 per il sostegno umanitario, la cooperazione allo sviluppo e la prevenzione dei conflitti. Ancora, la Germania ha reso noto che stanzierà 30 milioni di euro in aiuto per i rohingya; il Kuwait e gli Emirati Arabi hanno annunciato rispettivamente un sostegno di cinque milioni di dollari; il Lussemburgo, invece, ha stanziato circa un milione e mezzo di dollari americani; la Norvegia donerà 53 milioni di dollari per l'anno fiscale del 2020, mentre la Finlandia donerà due milioni di euro in risposta alla crisi umanitaria. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE