MYANMAR

 
 
 

Myanmar: incremento di episodi di violenza durante la campagna elettorale

Naypyidaw, 24 set 17:14 - (Agenzia Nova) - Nel corso delle settimane di campagne elettorale in vista del voto previsto il prossimo 8 novembre, in Myanmar si stanno registrando numerosi scontri, anche violenti, tra i sostenitori dei diversi partiti politici. Lo riporta la testata locale "Irrawaddy". Da quando è iniziata la campagna elettorale, l'8 settembre scorso, nelle aree amministrate dai due maggiori partiti, ovvero la Lega nazionale per la democrazia (Nld) e il Partito per la solidarietà e lo sviluppo dell'Unione (Usdp), si sono registrate minacce, atti vandalici dei manifesti elettorali, ma anche rivolte e bombe carta per intimidire i funzionari elettorali. Come riporta "Irrawaddy", c'è anche un episodio di violenza contro un minorenne, un ragazzino di 13 anni, venditore di fiori, che è stato picchiato a Yangon il 12 settembre scorso perché indossava una maglietta rossa con il logo della Nld e cantava una canzone del partito: il giovane venditore è stato colpito con un bastone di bambù e il suo altoparlante è stato distrutto. L'autore del reato ha raccontato ai media locali di essere stato infastidito dal rumore prodotto dall'altoparlante del ragazzo. Successivamente è stato assolto dopo aver risarcito il ragazzo per il costo delle spese mediche. Il numero di casi di violenza è molto più alto rispetto al periodo pre-elettorale del 2015. Secondo gli articoli 57 e 58 della legge elettorale, l'interferenza nel processo elettorale e i disordini durante la campagna elettorale comportano la pena di un anno di reclusione. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE