AUTOSTRADE

 
 
 

Autostrade: fonti Cdp, vertici Atlantia hanno disatteso impegni

Roma, 25 set 21:05 - (Agenzia Nova) - La lettera di Atlantia - che conferma la volontà da parte della società di andare avanti con il processo approvato dal loro Cda di vendita dell’88 per cento o in alternativa scissione e vendita del residuo 30 per cento - dimostra che sono stati disattesi completamente gli impegni assunti dai due amministratori delegati di Atlantia e Aspi il 14 luglio. E' quanto fanno notare fonti di Cassa depositi e prestiti (Cdp). Le stesse fonti sottolineano che in questi due mesi Cassa depositi e prestiti ha portato avanti un tavolo negoziale volto a perseguire un’operazione di mercato. La disponibilità di Cdp nei confronti della controparte a trovare soluzioni di ragionevole compromesso e di mercato è stata massima.

Nel corso della trattativa Cdp ha accolto infatti gran parte delle richieste avanzate da Atlantia ed è rimasta ferma sulla necessità di ottenere garanzie di mercato, come avviene in ogni operazione di trasferimento azionario, sui rischi collegati a un evento certo, cioè il crollo del Ponte Morandi, che ha provocato danni enormi. Nonostante l’apertura e la disponibilità dimostrata, l’atteggiamento di Atlantia dopo la lettera del 14 luglio è stato dilatorio nei fatti e nei contenuti delle controproposte avanzate. In particolare, respingendo la richiesta di garanzie per i danni provocati dal crollo del Ponte di Genova la stessa Atlantia fa venir meno una fondamentale condizione di mercato, inderogabile per qualunque investitore di mercato, che renderebbe impossibile deliberare l’operazione in Cda. Atlantia chiude così di fatto a ogni possibilità di proseguire nella trattativa. (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE