MEDITERRANEO ORIENTALE

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Mediterraneo orientale: presidente cipriota Anastasiades, dal Consiglio europeo di ottobre soluzioni sul dossier turco (2)

Nicosia, 24 set 16:07 - (Agenzia Nova) - Il Consiglio Affari esteri dell’Unione europea non ha trovato lo scorso 21 l’unanimità necessaria per approvare la lista di sanzioni individuali contro gli autori della repressione delle proteste in corso in Bielorussia. Ad ammetterlo, in conferenza stampa alla fine della riunione a Bruxelles, l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue Joseph Borrell, il quale ha comunque auspicato che l’unanimità necessaria possa essere trovata quanto prima. “Non è stato possibile raggiungere l'unanimità necessaria”, ha spiegato Borrell chiarendo che la questione sarà nuovamente affrontata durante il Consiglio europeo in programma alla fine di questa settimana (il 24 e 25 settembre). La mancata unanimità, secondo quanto emerso, è legata ad un altro tema caldo sul tavolo del Consiglio Esteri dell’Ue: quello delle tensioni nel Mediterraneo orientale. Lo stesso Borrell ha poi chiarito, infatti, come l'unanimità non sia arrivata in seno al Consiglio dal momento che Cipro non ha inteso accettare le sanzioni contro Minsk fino a quando l'Ue non imporrà sanzioni anche contro Ankara. "Non incolpo Cipro per niente. Ma è perfettamente chiaro che abbiamo bisogno di Cipro per ottenere l'unanimità", ha affermato Borrell aggiungendo di "comprendere perfettamente la situazione di Cipro". "È un problema politico ad alto voltaggio che il Consiglio europeo dovrà risolvere", ha sottolineato l'Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE