SPECIALE ENERGIA

 
 
 

Speciale energia: Algeria, coronavirus e crisi petrolifera colpiscono duramente l'economia del paese

Algeri, 05 mag 14:00 - (Agenzia Nova) - Il portavoce del governo Nadjib Belhimer ha spiegato che, ad eccezione del settore degli idrocarburi, la base imponibile perderà quattro mesi di contributi fiscali a causa dell'interruzione delle attività economiche da marzo a luglio. Non solo. Nell’ultimo bilancio suppletivo, il governo prevede che i ricavi del settore degli idrocarburi diminuiscano a 20,6 miliardi di dollari rispetto ai 37,4 miliardi previsti dalla prima legge fiscale del 2020, che prevedeva un prezzo del petrolio pari a 50 dollari al barile. Il Sahara blend algerino viene venduto oggi a circa 20 dollari al barile. Eppure il ministro dell'Energia algerino, Mohamed Arkab, si è recentemente dichiarato ottimista sull’andamento del mercato petrolifero che, a suo dire, tornerà alla normalità già a partire dalla seconda metà di quest'anno, dunque già a giugno. “Siamo molto ottimisti perché prevediamo una ripresa graduale e un rapido ritorno delle attività", ha affermato il ministro. Quanto alla situazione specifica dell'Algeria, l’esponente del governo nordafricano ha spiegato che la compagnia energetica Sonatrach “ha elaborato un piano di lavoro per modificare i suoi programmi d’investimento pre-programmati per evitare un maggiore deficit nel bilancio statale”. (Ala)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE