MYANMAR

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Myanmar: esperto Onu chiede cessazione dell’offensiva militare a Rakhine

Naypyidaw, 23 set 11:15 - (Agenzia Nova) - L’offensiva delle forze armate del Myanmar contro le forze indipendentiste nello Stato di Rakhine sta causando un crescente numero di vittime civili nei villaggi, e deve “cessare subito”. Lo ha dichiarato Thomas Andrews, esperto indipendente incaricato dall’Onu di monitorare la situazione dei diritti umani nel paese. Andrews ha contestato in particolare il crescente numero di bambini vittime delle ostilità: “Sono stati sollevati seri quesiti in merito alla morte di questi bambini: se siano rimasti vittime del fuoco incrociato e delle ostilità, o siano stati piuttosto bersagli deliberati”. L’esperto ha citato ad esempio l’uccisione di “due bambini di cinque anni” e il ferimento di un terzo nel corso di un bombardamento d’artiglieria contro il villaggio di Myebon, due settimane fa. “L’impunità e i diritti umani non possono coesistere”, ha dichiarato Andrews, citando a questo proposito le confessioni di due militari birmani disertori in merito ai massacri, agli stupri e ad altri crimini che sarebbero stati commessi dalle forze regolari durante l’offensiva contro i musulmani rohingya a Rakhine, nell’agosto 2017. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE