LIBANO

 
 
 

Libano: presidente Aoun propone abolizione spartizione comunitaria dei ministeri più rilevanti

Beirut, 21 set 14:26 - (Agenzia Nova) - Il presidente del Libano, Michel Aoun, ha proposto la soppressione della suddivisione su base comunitaria dei ministeri degli Esteri, della Difesa, delle Finanze e dell'Interno. Lo riferisce il quotidiano francofono "L'Orient Le Jour". La proposta è stata motivata da Aoun con la necessità di risolvere la crisi per la formazione del governo, che vede impegnato senza successo da tre settimane il premier designato Mustafa Adib. Nodo principale che si frappone alla formazione dell'esecutivo è la pretesa avanzata dal fronte sciita - capeggiato dai due partiti Amal e Hezbollah - sul ministero delle Finanze. "Propongo di abolire la distribuzione su base comunitaria dei ministeri cosiddetti "sovrani" e di non riservarli a comunità specifiche", ha dichiarato Aoun durante una conferenza stampa presso la sede della presidenza libanese. Il capo dello Stato ha aggiunto che "i blocchi parlamentari non devono essere esclusi dalla formazione del governo poiché sono loro che accordano o meno la fiducia al Parlamento. (...) Allo stesso modo, è inaccettabile che dei ministri o dei portafogli siano imposti, specialmente da un fronte che non gode della maggioranza parlamentare", alludendo agli ex premier sunniti che rifiutano che il ministero delle Finanze rimanga in mani sciite. Già il 18 settembre, la Corrente patriottica libera, fondata dal presidente Aoun, ha formulato una proposta di compromesso per sbloccare la formazione del nuovo esecutivo nel paese dei cedri. Il partito cristiano maronita ha suggerito di affidare i ministeri di maggior peso - storicamente spartiti tra i gruppi musulmani e cristiani più numerosi - a confessioni minori quali drusi, armeni, alauiti e altre. La proposta è stata formulata dal capo della Corrente patriottica libera Gebran Bassil, genero di Aoun e già ministro degli Esteri. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE