USA

 
 
 

Usa: agente della Nypd accusato di spiare newyorchesi tibetani per conto di Pechino

New York, 22 set 02:33 - (Agenzia Nova) - Un agente del Dipartimento di Polizia di New York (Nypd) è stato accusato di spiare i newyorkesi tibetani per conto del governo cinese. Lo riporta il sito di approfondimento politico "The Hill". Una denuncia penale accusa Baimadajie Angwang, 33 anni, di aver agito come agente illegale "alla direzione e al controllo" di funzionari del governo cinese presso il consolato di New York. I funzionari avrebbero diretto l'ufficiale per monitorare le attività dei tibetani di etnia tibetana a New York e valutare potenziali fonti di intelligence di etnia tibetana. La denuncia accusa inoltre l'ufficiale di aver usato la sua posizione presso il dipartimento di polizia per permettere ai funzionari del consolato di mettersi in contatto con i dirigenti della Nypd. Angwang ha lavorato come ufficiale degli affari della comunità nell'11° distretto del Queens e anche come sergente maggiore delle riserve dell'esercito a Fort Dix nel New Jersey. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE