LIBIA

 
 
 

Libia: Mishri, “Maiteeq ha violato il mandato accordandosi con Haftar, chiediamo indagine”

Tripoli, 21 set 08:36 - (Agenzia Nova) - Il presidente dell’Alto Consiglio di Stato libico, Khaled al Mishri, ha affermato che il vice presidente del Consiglio presidenziale, Ahmed Maiteeq, "ha violato le sue legittime competenze" stipulando un accordo con il generale Khalifa Haftar sulla crisi del settore petrolifero. In una lettera indirizzata al Consiglio di presidenza, l’organo esecutivo riconosciuto dall’Onu nato nel dicembre 2015 con gli Accordi di Shkirat, Mishri ha affermato che Maiteeq "ha anche violato la giurisdizione legale della Banca centrale della Libia", sottolineando il suo rifiuto di accordarsi con Haftar, dal momento che quest’ultimo è “contrario ai principi dell'accordo politico". Il presidente del “Senato” libico che fa da contraltare alla Camera dei rappresentanti di Tobruk ha invitato il Consiglio presidenziale ad aprire "un'indagine urgente sullo sfondo di quanto avvenuto per chiarire se c'è qualche altra parte coinvolta in questa procedura”. Secondo il politico originario della città occidentale di Zawiya, che nel gennaio del 2019 ha lasciato il Partito della giustizia e dello sviluppo, espressione della Fratellanza musulmana in Libia, i risultati di tale indagine dovrebbero essere poi trasmessi al “Consiglio di Stato per prendere le misure appropriate". Mishri ha aggiunto che la chiusura dei giacimenti petroliferi "è un crimine di guerra, i cui autori devono essere puniti e non condonati". (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE