USA

 
 
 

Usa: morte Ginsburg, Trump invoca nomina nuovo giudice Corte suprema “senza indugio”

New York, 19 set 18:10 - (Agenzia Nova) - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha dichiarato oggi che i repubblicani hanno “l’obbligo” di agire “senza indugio” per coprire il posto lasciato vacante nella Corte Suprema dalla morte della giudice Ruth Bader Ginsburg. “Siamo stati messi in questa posizione di potere e importanza per prendere decisioni per il popolo che ci ha eletto con orgoglio, la più importante delle quali è da lungo tempo considerata la selezione dei giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti. Abbiamo questo obbligo, senza indugio!”, ha scritto il leader della Casa Bianca su Twitter rivolgendosi al Partito repubblicano. Il tweet è giunto a breve distanza dalla dichiarazione di Mitch McConnell, leader della maggioranza al Senato, che a poche ore dal decesso di Ginsburg ha promesso che al suo posto sarà votato un candidato di Trump.

McConnell ha pubblicato una nota di cordoglio per la scomparsa della giudice, nominata sotto una presidenza democratica e nota per le sue idee progressiste, e al tempo stesso ha ricordato che “dal 1880, nessun Senato ha confermato la nomina alla Corte suprema di un candidato di un partito opposto a quello del presidente in un anno di elezioni presidenziali”. “Gli americani hanno rieletto la nostra maggioranza nel 2016 e l’hanno ampliata nel 2018 perché ci siamo impegnati a lavorare con il presidente Trump e a sostenere la sua agenda, in particolare le sue nomine di rilievo nella magistratura federale”, ha aggiunto il politico. “Ancora una volta, manterremo la nostra promessa. Il candidato del presidente Trump riceverà un voto dall’aula del Senato degli Stati Uniti”, ha concluso.

Alle elezioni presidenziali mancano 44 giorni. Per l’ultimo giudice entrato nella Corte suprema, Brett Kavanaugh, il processo è stato molto più lungo: 89 giorni; 57 dalla sua nomina all’udienza di conferma. Il leader della minoranza al Senato, Chuck Schumer, ha affermato che il posto vacante non dovrebbe essere coperto finché non si insedierà un nuovo presidente. Il candidato democratico alla presidenza, Joe Biden, ha dichiarato che “gli elettori dovrebbero scegliere il presidente e il presidente dovrebbe scegliere il giudice da sottoporre al Senato”, ricordando che “questa era la posizione assunta dal Senato repubblicano nel 2016, quando mancavano quasi nove mesi alle elezioni” e concludendo che questa è la posizione che il Senato dovrebbe assumere ora, quando al voto mancano meno di due mesi. Il riferimento è al rifiuto del Senato controllato dai repubblicani nel 2016 di considerare il candidato del presidente Barack Obama come successore del defunto giudice Antonin Scalia.

Ruth Bader Ginsburg è morta ieri all’età di 87 anni. Era da tempo malata di cancro. È stata la seconda donna del paese a diventare giudice della Corte suprema, nominata nel 1993 dal presidente Bill Clinton. Si è pronunciata più volte in difesa dei diritti di aborto, dell’espansione dei diritti delle persone omosessuali, della preservazione dell’assistenza sanitaria prevista dalla riforma di Obama e della discriminazione positiva per l’avanzamento dei diritti delle minoranze razziali e delle persone svantaggiate. “Era una donna straordinaria, che si sia d’accordo o no, era una donna straordinaria che ha condotto una vita straordinaria”, ha commentato il presidente Trump. Il suo avversario alle prossime presidenziali Biden ha definito Ginsburg un “gigante nella professione legale” e una “figura amata”. 
 (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE