LIBANO

 
 
 

Libano: rinvenuti al largo di Batroun resti di un bambino morto nel tentativo di emigrare a Cipro

Beirut, 19 set 12:00 - (Agenzia Nova) - I resti di un bambino sono stati rinvenuti dalla protezione civile del Libano a Batroun, nel nord del paese dei cedri. Lo riferisce il quotidiano francofono libanese "L'Orient Le Jour". Il bambino si trovava presumibilmente a bordo di un'imbarcazione che trasportava migranti verso Cipro ed è stata soccorsa da mezzi della Forza di interposizione in Libano delle Nazioni unite (Unifil) il 14 settembre. Allora una nave della task force marittima (Maritime task force - Mft) inquadrata nella missione Unifil ha localizzato in mare, al di fuori delle acque territoriali libanesi, una barca con 37 persone a bordo, uno dei quali già morto. "La priorità principale per i nostri peacekeeper era salvare le 36 persone rimanenti e garantire la loro sicurezza fornendo assistenza immediata", si legge nel comunicato. La Mtf ha immediatamente informato le autorità libanesi. Il 18 agosto altri resti sono stati rinvenuti al largo di Saadiyate, a sud di Beirut.

Agli inizi di settembre, le autorità cipriote hanno annunciato che invieranno in Libano una squadra al fine di aiutare le autorità locali a impedire l’emigrazione illegale verso l’isola, situata a soli 160 chilometri dal paese dei cedri. Nei giorni precedenti, le autorità cipriote avevano avvistato almeno cinque imbarcazioni con a bordo oltre 150 migranti. Secondo il ministro dell'Interno cipriota, Nicos Nouris, funzionari provenienti da vari dipartimenti si recheranno in Libano "per gestire nella maniera più efficace il fenomeno" migratorio. Sempre Nouris ha affermato che la chiusura della rotta balcanica nel 2015 dalla Turchia all'Europa centrale dopo un accordo tra Ankara e Bruxelles ha portato il numero di domande d'asilo a Cipro ad aumentare dalle 2.253 del 2015 alle 13.648 dello scorso anno. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE