LIBANO

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Libano: contingente italiano Unifil, donate apparecchiature per analisi dei tamponi

Roma, 19 set 09:32 - (Agenzia Nova) - Anche i laboratori dell'ospedale di Tiro e di Bint Jbeil, tra i più importanti presidi sanitari del Sud del Libano, hanno due nuove moderne apparecchiature per analizzare i tamponi, strumenti necessari e indispensabili per accertare i casi di positività al Covid -19. I macchinari, come riferisce un comunicato, sono stati donati dal contingente italiano di Unifil, la Forza di interposizione delle Nazioni Unite schierata nel Sud del Libano, nel corso di una simbolica cerimonia alla quale hanno preso parte il comandante del contingente italiano, generale Andrea Di Stasio, il sindaco di Tiro, Hassan Mohammed Nabouq, il sindaco di Bint Jbeil, Afif Bazzi, e personale sanitario degli ospedali governativi delle due municipalità. Oltre alla strumentazione, sono stati donati 600 kit diagnostici nel quadro dei progetti di cooperazione civile-militare promossi dal contingente per la lotta all'emergenza Coronavirus nel Sud del paese. L'attrezzatura, acquistata con fondi del ministero della Difesa italiano, si basa sulla metodica molecolare di reazione a catena della polimerasi (Pcr), messa a punto in base alla sequenza genetica del virus Sars-Cov-2. Il tampone viene mandato in un laboratorio specializzato e, grazie a questo genere di apparecchiature, sara' possibile confermare o meno la presenza del virus, per poi procedere all'isolamento delle persone infette. (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE