ITALIA-CINA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Italia-Cina: Guerini a "Il Foglio", la sicurezza nazionale viene prima di tutto

Roma, 16 set 09:15 - (Agenzia Nova) - La società cinese Zhenhua ha schedato 4.544 italiani: politici, imprenditori e criminali. "Questa vicenda va inquadrata meglio e, giustamente, ci sarà un'attività di approfondimento del Copasir - dice a "Il Foglio" il ministro della Difesa Lorenzo Guerini - che presto sarà aggiornato da una nota informativa del Dis". Uno spaccato inquietante. "E' un elemento di preoccupazione. Ma il tema non è tanto l'acquisizione dei dati attraverso fonti aperte. Il problema è la targetizzazione, la profilazione". La Cina deve spiegare. "Pur trattandosi di un'azienda privata serve chiarezza nei rapporti. Al momento non è possibile esprimere dei giudizi definitivi, ma seguirò l'evolversi di questa vicenda con grande attenzione". Da questa vicenda oscura alla partita sul 5G il passo è brevissimo. "Posso solo ribadire la mia posizione, siamo un paese con una forte vocazione all'export, che quindi deve avere rapporti con tutti i paesi. Ma la sicurezza nazionale viene prima di ogni altra valutazione economica o tecnologica che sia. La Ue sta affrontando la discussione sulla sicurezza delle infrastrutture critiche, non possiamo permetterci di andare in ordine sparso". "Certamente - aggiunge - senza alcun pregiudizio nei confronti di nessuno. Inutile ricordare la Via della Seta, gli incontri riservati di Beppe Grillo con l'ambasciatore cinese in Italia". Certe opacità del Conte I non ci sono più. ""Non ci sono opacità. In questo anno abbiamo fatto scelte importanti nel settore, soprattutto attraverso la definizione del perimetro cibernetico nazionale e la golden power rafforzata". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE