CAMERUN

 
 
 

Camerun: governo condanna "atroci assassinii" di civili in regioni anglofone

Yaoundé, 14 ago 11:51 - (Agenzia Nova) - Il governo del Camerun ha denunciato "gli atroci assassinii" commessi di recente nelle regioni anglofone del paese, il Nordovest ed il Sudovest, da combattenti secessionisti. In un comunicato, il ministro delle Comunicazioni e portavoce del governo René Emmanuel Sadi si è detto "indignato" per cinque omicidi di civili commessi la scorsa settimana. "Il governo del Camerun condanna fermamente questi atti atroci e insopportabili commessi da bande secessioniste che per ragioni assurde, illegittime e inammissibili continuano a togliere la vita a cittadini onesti e innocenti", ha scritto Sadi, sottolineando che la condanna dell'Esecutivo tocca anche "chi, nascosto nell'ombra, soprattutto all'estero, sostiene costantemente i ribelli secessionisti e incoraggia il perpetuarsi di atrocità da parte dei fuorilegge sugli abitanti delle due regioni (anglofone)”. Il ministro ha quindi lanciato un appello alla cooperazione dei "Paesi amici dove sono accolti i promotori di questa ribellione" al fine di "favorire la loro neutralizzazione e il consolidamento del processo di pacificazione delle regioni del Nordovest e Sudovest". Ieri, l'ong locale Chrda ha denunciato la decapitazione, martedì scorso, di una donna da parte di presunti secessionisti. Sui social sono circolate immagini e video nei quali si vede la donna legata e uccisa a colpi di machete. Il portavoce dell'esercito non ne ha per il momento confermato l'autenticità. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE