ARABIA SAUDITA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Arabia Saudita: al via Hajj tra rigide misure di sicurezza e poche migliaia di pellegrini

Riad, 27 lug 14:01 - (Agenzia Nova) - L’Arabia Saudita sta ultimando i preparativi per il primo pellegrinaggio dell’Hajj dell’era Covid, che si terrà dal 28 luglio al 2 agosto tra rigide misure sanitarie, sanificazioni straordinarie dei luoghi di culto e un numero di pellegrini minimo, circa 10 mila, lo 0,4 per cento rispetto ai 2,5 milioni dello scorso anno. Secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa saudita “Spa”, le autorità hanno iniziato ad accogliere i primi pellegrini nella città santa della Mecca. In base ai protocolli sanitari annunciati da Riad, i partecipanti all’Hajj dovranno indossare indumenti protettivi, tra cui mascherine guanti, durante i rituali, e sarà vietato l’ingresso all’interno dei luoghi di culto senza permesso. Ai pellegrini non sarà permesso per la prima volta di toccare l’esterno del santuario della Ka'ba, il luogo più sacro dell’Islam, all’interno della Grande moschea della Mecca. Le autorità hanno disposto la consegna di kit sanitari per l’occasione, che includono, oltre a disinfettanti e mascherine, anche una pietra sterilizzata per il rituale lancio della lapidazione del demonio nel santuario di Mina, un tappeto da preghiera e l’hram, la casacca bianca senza cuciture utilizzata tradizionalmente durante l’Hajj. In base ai protocolli stabili dalle autorità saudite, i pellegrini dovranno effettuare prima del loro arrivo alla Mecca il test per verificare la positività al coronavirus, mentre dopo il pellegrinaggio sarà obbligatoria la quarantena. Per l’occasione il ministero della Sanità saudita ha predisposto diverse strutture sanitarie, cliniche mobili e ambulanze per eventuali emergenze. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE