SPECIALE DIFESA

 
 
 

Speciale difesa: Libano, Dogane, magistratura sapeva della presenza di nitrato ammonio nel porto di Beirut

Beirut, 05 ago 14:00 - (Agenzia Nova) - La magistratura libanese è stata informata sei volte della pericolosità del nitrato di ammonio immagazzinato nel porto di Beirut e le dogane hanno chiesto più volte di esportarlo. Lo ha dichiarato ai media il direttore delle Dogane, Badri Daher, spiegando, tuttavia, che non è stata mai concessa l’autorizzazione. Il funzionario ha confermato, inoltre, la presenza di un deposito di fuochi d’artificio accanto al magazzino con all'interno quantità di nitrato di ammonio stoccate nel porto di Beirut dove martedì pomeriggio è avvenuta una duplice esplosione. Il governo punta il dito contro un carico di nitrato di ammonio immagazzinato "senza misure precauzionali" nel porto, ha dichiarato il primo ministro, Hassan Diab. "È inaccettabile che un carico di nitrato di ammonio, stimato in 2.750 tonnellate, sia stato presente per sei anni in un magazzino, senza misure precauzionali. È inaccettabile e non possiamo tacere", ha detto Diab davanti al Consiglio supremo della difesa, secondo un portavoce. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE