SPAGNA

 
 
 

Spagna: vicepremier Iglesias, c'è un movimento giovanile che prima o poi favorirà la repubblica

Madrid, 05 ago 08:26 - (Agenzia Nova) - In Spagna c'è un "dibattito sociale sull'utilità della monarchia" ma in questo momento c'è la consapevolezza di non avere abbastanza voti al Congresso dei deputati "per promuovere un cambiamento costituzionale a breve termine". Lo ha affermando il vicepremier e leader di Unidas Podemos, Pablo Iglesias, in un'intervista a "Tele Cinco", aggiungendo che, tuttavia, c'è un "movimento storico" giovanile che "prima o poi favorirà l'introduzione della repubblica in Spagna". Iglesias ha evidenziato come per molti decenni parlare di monarchia in termini di corruzione "è stato un tabù mediatico", mentre ora "ci sono molte persone e molti giornalisti che dicono che qualora se ne fosse parlato prima si sarebbe potuto fare meglio". Il vicepremier ha ammesso che sulla Casa reale Unidas Podemos e il Partito socialista operaio (Psoe), schieramento guidato dal primo ministro Pedro Sanchez, "nessuno può essere sorpreso che ci siano disaccordi" in quanto è "naturale che in democrazia possiamo pensarla in modo diverso". In merito all'esclusione del suo partito dalle trattative tra il governo e la Casa reale su l'ex monarca Juan Carlos per l'abbandono del paese, Iglesias ha dichiarato che "quando c'è una situazione fastidiosa all'interno della coalizione, Pedro Sanchez e io la risolviamo, e manterrò un atteggiamento discreto in questa faccenda". Iglesias ha aggiunto di "rispettare" le parole del premier sul caso del re emerito ma per Unidas Podemos "non è accettabile che l'ex capo dello Stato, quando è indagato dalle autorità giudiziarie svizzere e dalla Corte suprema, non sia nel suo paese per affrontare il giudizio del suo popolo". (Spm)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE