USA

 
 
 

Usa: studio, i boomer non sono più la maggioranza

New York, 05 ago 00:59 - (Agenzia Nova) - I Millennials e i loro fratelli minori e i loro figli costituiscono ora la maggioranza della popolazione statunitense. Una nuova analisi della Brookings Institution mostra che il 50,7 per cento dei residenti statunitensi ha meno di 40 anni. Lo riporta l'emittente "Abc". Secondo la rilevazione i millennial, la Generazione Z e le generazioni più giovani, insieme, contano 166 milioni di persone. Le coorti combinate di Generazione X, baby boomer e anziani rappresentavano 162 milioni di residenti negli Stati Uniti. "Per molti statunitensi, soprattutto per i baby boomer, questa notizia potrebbe essere uno shock. Per loro, il termine "millennial" è stato associato a un'atmosfera giovanile, spesso negativa, in termini di abitudini, ideologia e politica", ha scritto William Frey, un professore associato del Brookings' Metropolitan Policy Program, nell'analisi. "Ora, il millennial più antico ha 39 anni, e con il loro numero superiore a quello dei baby boomer, la generazione del millennial è pronta ad assumere ruoli influenti negli affari e nel governo". I millenni sono tipicamente definiti come nati tra il 1981 e il 1996. I baby boomer, a lungo considerati uno dei principali motori del cambiamento demografico e sociale negli Stati Uniti a causa del loro grande numero, sono nati tra la fine della Seconda guerra mondiale e l'arrivo dei Beatles negli Stati Uniti nel 1964. Stretti tra i boomer e i millennial, quelli della Generazione X nascono tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta. I membri della Generazione Z sono nati dopo il 1996.

(Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE