SOMALIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Somalia: il presidente Farmajo silura il premier Khaire, sullo sfondo le divisioni in vista delle elezioni (6)

Mogadiscio, 27 lug 16:40 - (Agenzia Nova) - Secondo l’Alto rappresentante, “le procedure in base alle quali è stata approvata una mozione di sfiducia nel gabinetto non soddisfano i requisiti costituzionali minimi. Questa votazione si è verificata un giorno dopo la conclusione di un incontro molto atteso tra il presidente e gli Stati membri federali in cui è stato convenuto che sarebbero seguite le consultazioni e che si sarebbe verificata un'ulteriore riunione il 15 agosto”, ha aggiunto l’Alto rappresentante. “Queste azioni comportano una grave mancanza di rispetto per le basi costituzionali di Somalia, su cui l'Unione europea ha investito. L'Unione europea esaminerà attentamente come si sono verificati questi eventi, chi ne ha la responsabilità e fino a che punto deviano la Somalia dai progressi che sta compiendo e in cui si è impegnata con i suoi partner internazionali”, ha concluso Borrell. Il licenziamento di Kaire giunge, infatti, a pochi giorni dalla conclusione della prima fase dei negoziati con i leader regionali a Dusa Mareb, cui hanno partecipato sia Farmajo che Khaire. Al termine dei colloqui, le due parti hanno concordato di tenere le elezioni generali nel più breve tempo possibile – e nei tempi previsti dalla Costituzione – e di nominare un comitato di lavoro tecnico congiunto incaricato di presentare le sue raccomandazioni in merito alle elezioni entro due settimane, quando è prevista una seconda conferenza sempre a Dusa Mareb. Il comitato sarà incaricato in particolare di discutere del modello elettorale da adottare per le elezioni, che sulla carta dovrebbero svolgersi a dicembre (le legislative) e a febbraio (le presidenziali), come stabilito dalla Costituzione. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE