REGENI

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Regeni: Di Maio, fuorviante pensare che ritiro ambasciatore sia necessario per verità

Roma , 16 lug 15:18 - (Agenzia Nova) - E’ fuorviante credere che avere un ambasciatore al Cairo significhi non perseguire la verità sul caso di Giulio Regeni e, viceversa, è altrettanto fuorviante pensare che il ritiro dell’ambasciatore sia necessario per raggiungere la verità. Lo ha detto oggi il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio, durante l’audizione davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni - giovane ricercatore italiano rapito il 25 gennaio 2016, giorno del quinto anniversario delle proteste di piazza Tahrir, e ritrovato senza vita il 3 febbraio successivo nelle vicinanze di una prigione dei servizi segreti egiziani - presso Palazzo San Macuto. “E’ necessario che alle parole seguano i fatti ora più che mai. L’Italia ha continuato a richiedere all’Egitto - ha proseguito - a tutti i livelli di fare giustizia. Non intendiamo deflettere in alcun modo da questo impegno massimo e prioritario per la ricerca della verità, obiettivo per noi irrinunciabile e sul quale alcun oblio potrà mai calare”. Inoltre, “affinché la nostra azione per la ricerca della verità possa essere efficace, riteniamo di coinvolgere al più alto livello le autorità del Cairo attraverso un dialogo franco ed esigente”. (segue) (Mom)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE