SPECIALE DIFESA

 
 
 

Speciale difesa: Azerbaigian, provocazioni al confine confermano che Armenia non è interessa a risolvere conflitto

Baku, 13 lug 13:30 - (Agenzia Nova) - A partire dal pomeriggio del 12 luglio, le forze armate dell'Armenia hanno palesemente violato il regime del cessate il fuoco e hanno utilizzato attacchi di artiglieria per sparare sulle posizioni delle forze armate dell'Azerbaigian, in direzione del distretto di Tovuz, lungo il confine di stato tra l'Armenia e l'Azerbaigian. I tentativi delle forze armate dell'Armenia di impadronirsi delle posizioni dell'esercito dell'Azerbaigian sono stati definitivamente bloccati, , si legge in una nota dell'ambasciata, e non è stata concessa perdita di territorio. La zona delle operazioni è sotto il controllo delle truppe dell'Azerbaigian. A seguito dei combattimenti, due militari dell'esercito azerbaigiano sono stati uccisi, cinque sono rimasti feriti, di cui uno defunto nelle ore successive", ha affermato in una dichiarazione il ministero della Difesa dell'Azerbaigian. Nelle ore serali, la situazione sul confine tra l'Armenia e l'Azerbaigian nella direzione di Tovuz è peggiorata nuovamente. "L'esercito dell'Armenia ha ripreso il bombardamento di artiglieria delle posizioni dell'esercito dell'Azerbaigian, come il villaggio di Agdam nel distretto di Tovuz, con mortai da 120 mm. In risposta, l'esercito azerbaigiano sta prendendo adeguate e severe misure contro le provocazioni del nemico", si legge nella nota. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE