MALI

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Mali: comunità internazionale condanna uso della forza contro i manifestanti

Bamako, 13 lug 12:16 - (Agenzia Nova) - La comunità internazionale ha condannato l'uso della forza letale da parte del governo maliano durante le nuove proteste che hanno infiammato il Paese lo scorso fine settimana e ha nuovamente chiesto il rilascio dei leader dell'opposizione detenuti. In una dichiarazione congiunta, la Missione delle Nazioni Unite in Mali (Minusma), l'Unione africana, Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale (Cedeao) e l'Unione europea hanno anche criticato le violenze da parte dei manifestanti, condannando al contempo l’uso sporporzionato della forza da parte delle autorità. “I rappresentanti della Cedeao, dell'Unione africana, dell'Unione europea e delle Nazioni Unite nella Repubblica del Mali sono molto preoccupati per lo sviluppo della situazione socio-politica in Mali e si rammaricano che gli edifici pubblici e privati siano stati colpiti con violenza, provocando la perdita di vite umane, numerosi feriti e il deterioramento della proprietà statale e privata”, si legge nella dichiarazione. “I rappresentanti offrono le loro più sentite condoglianze alle famiglie in lutto, augurano una pronta guarigione a tutti i feriti, condannano fermamente qualsiasi forma di violenza come mezzo per risolvere la crisi socio-politica e l'uso della forza letale per mantenere l'ordine, invitano tutte le parti interessate a esercitare moderazione e chiedono loro di favorire sempre il dialogo, la concertazione e canali pacifici per la risoluzione delle crisi”, prosegue la nota. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE