GIAPPONE

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Giappone: a giugno picco di fallimenti aziendali (9)

Tokyo, 10 lug 06:39 - (Agenzia Nova) - Gli introiti fiscali complessivi dello Stato giapponese sono calati lo scorso anno fiscale a 58.400 miliardi di yen (543 miliardi di dollari), in calo rispetto al precedente anno fiscale per la prima volta da tre anni a questa parte. Il dato è inferiore alle attese iniziali del governo, che si aspettava per lo scorso anno entrate superiori a 60mila miliardi di yen. La causa della contrazione delle entrate fiscali va individuata nella pandemia di coronavirus, che ha assestato un durissimo colpo all’economia nazionale – specie a settori particolarmente dinamici, come il turismo – all’inizio del 2020 (l’anno fiscale giapponese chiude a marzo). Ad abbassare le entrate fiscali ha contribuito anche una politica del governo che garantisce alle aziende una esenzione di un anno dalla maggior parte degli adempimenti fiscali, una misura concepita per aiutare l’economia a superare l’emergenza causata dal coronavirus. Il governo giapponese ha aumentato l’imposta sul valore aggiunto dall’8 al 10 per cento lo scorso ottobre, ma tale incremento non è bastato a compensare le minori entrate generate dalla tassazione sulle aziende. (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE