SPECIALE INFRASTRUTTURE

 
 
 

Speciale infrastrutture: Regno Unito, premier Johnson annuncia "new deal" per ripresa economica

Londra, 30 giu 16:00 - (Agenzia Nova) - "Procederemo con il programma di finanziamento dell'Nhs più grande di tutti. Vogliamo prenderci cura di chi si è preso cura di noi", ha detto il premier britannico Boris Johnson presentando il "new deal" per la ripresa economica dopo l'emergenza coronavirus. Il primo ministro ha poi proseguito annunciando un programma di valorizzazione dell'istruzione per i prossimi 10 anni, che si aprirà con un investimento da più di un miliardo di euro. Per quanto riguarda la sicurezza delle strade, Johnson ha detto che verranno assunti altri 20 mila agenti e che la polizia verrà supportata dal governo. Passando poi alle infrastrutture, Johnson ha affermato che la crisi di coronavirus ha mostrato l'importanza del potersi muovere in modo efficiente e comodo, e che il governo si impegnerà per costruire strade migliori, ferrovie migliori, per introdurre 400 autobus ad emissioni zero e per pianificare nuove piste ciclabili in tutto il Regno Unito. "Il paese, per essere unito e prosperoso, deve anche essere connesso. Perciò verranno introdotti progetti che riguarderanno tutte le nazioni, per portare la crescita economica in tutte le parti del paese", ha detto Johnson rivelando così che anche Scozia, Galles e Irlanda del Nord avranno un ruolo fondamentale nel "new deal". Parte del programma del governo è anche l'obiettivo di costruire un maggior numero di abitazioni, per "permettere ai giovani di entrare nel mercato immobiliare come hanno fatto i loro genitori e i loro nonni". "Per far sì che ciò accada, questo governo introdurrà le riforme più radicali nella pianificazione dalla Seconda guerra mondiale", ha annunciato Johnson, anticipando il "Project Speed" che verrà lanciato prossimamente e che avrà lo scopo di aumentare la velocità e l'efficienza del settore edile britannico. (Rel)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE