CORONAVIRUS

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Coronavirus: sindacato Polizia, da Amnesty accuse gravissime e calunniose su violazioni diritti umani

Roma, 24 giu 16:10 - (Agenzia Nova) - La Federazione sindacale di Polizia replica ad Amnesty definendo "accuse gravissime e calunniose" quelle "contro chi rischia la vita". In una nota stampa, Valter Mazzetti, segretario generale della Federazione Fsp Polizia di Stato, dichiara che "non ci colgono di sorpresa le gravissime affermazioni di Amnesty International ai danni della Polizia di Stato, perché purtroppo siamo abituati ai pregiudizi e alla violenza concettuale e verbale manifestata puntualmente contro migliaia di donne e uomini in divisa che dedicano l’esistenza a servire lo Stato e i cittadini", a proposito di alcune affermazioni contro l’operato della Polizia contenute nel rapporto "Sorvegliare la pandemia" di Amnesty International sulle violazioni dei diritti umani nell’applicazione delle misure anti Covid-19 in Europa. "La cosa grave - prosegue Mazzetti - è che, purtroppo, nessuno venga mai chiamato a rispondere di accuse infamanti e calunniose, di parole che sono come pietre scagliate verso coloro che svolgono una funzione altissima e che, in questa emergenza, hanno dato prova di una generosità e di un senso del dovere inarrivabile. Quello che Amnesty tralascia di dire è che ogni tre ore e mezzo c’è un ferito nelle Forze dell’ordine e che nel corso dell’anno sono state 2.682 le aggressioni fisiche subite dal personale in divisa”. (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE