VENEZUELA-USA

 
 
 

Venezuela-Usa: chi è Alex Saab, l'imprenditore vicino a Maduro arrestato a Capo Verde

Venezuela-Usa: chi è Alex Saab, l'imprenditore vicino a Maduro arrestato a Capo Verde
Caracas , 15 giu 19:30 - (Agenzia Nova) - L’arresto a Capo Verde da parte dell’Interpol dell’imprenditore colombiano Alex Nain Saab, accusato dal dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di riciclaggio di denaro e corruzione in collegamento col governo venezuelano di Nicolas Maduro, aggiunge un ulteriore tassello all’escalation di tensione in corso tra Washington e Caracas. L’uomo, fermato nello Stato insulare durante una sosta tecnica di un aereo venezuelano presumibilmente diretto in Iran, era stato sanzionato lo scorso luglio dal governo degli Stati Uniti, insieme ai suoi figli Isham Alí e Shadi Naim e ad altri due cittadini colombiani, per il loro presunto coinvolgimento in casi di corruzione legati, tra le altre cose, alle forniture alimentari al paese, teatro di una grave crisi politica ed economica. Secondo quanto si legge nella nota del dipartimento del Tesoro che annunciava le sanzioni, “Saab è uno sfruttatore che ha orchestrato una vasta rete di corruzione", che ha permesso all'amministrazione del presidente Nicolas Maduro "di beneficiare in modo significativo dell'importazione e della distribuzione di cibo in Venezuela". In particolare, Saab avrebbe ottenuto contratti "gonfiati" con il governo venezuelano dal 2009, che includono la costruzione di 25 mila abitazioni nel paese e forniture ai Comitati locali di approvvigionamento e produzione. “Attraverso una sofisticata rete di società fantasma, partner commerciali e familiari, Saab ha riciclato centinaia di milioni di dollari provenienti da guadagni illeciti", denunciava il Tesoro Usa.

Tra le persone sanzionate anche Walter, Yoswal e Yosser Gavidia Flores, figli della moglie del presidente venezuelano Nicolas Maduro, Cilia Flores, a cui, stando alle accuse delle autorità statunitensi, “Saab avrebbe canalizzato denaro in cambio della concessione di contratti con il governo del Venezuela”. La lista degli individui sanzionati include anche Mariana Staudinger, moglie di Yosser Gavidia Flores e José Gregorio Vielma Mora, ex governatore dello stato venezuelano de Tachira. Le sanzioni colpiscono anche 13 entità in diversi paesi, tra cui Emirati Arabi Uniti, Turchia, Panama, Colombia e Messico. Secondo il procuratore generale di Capo Verde, José Landim, citato dalla stampa spagnola, la giustizia dello stato insulare ha decretato ieri il carcere preventivo per l’imprenditore, il quale avrà la possibilità di fare ricorso dinanzi al Tribunale supremo di giustizia. Secondo la legislazione di Capo Verde il governo statunitense avrà ora 18 giorni a partire da domenica per presentare domanda di estradizione. Il governo venezuelano, per parte sua, ha contestato l’arresto.

Il ministro degli Esteri del Venezuela, Jorge Arreaza, ha emesso oggi un comunicato per denunciare la “detenzione arbitraria” di Saab definendolo “un cittadino venezuelano”. “Quest’azione che viola le leggi e le norme internazionali corrisponde chiaramente agli atti di aggressione e molestia contro il popolo venezuelano, portati avanti dal governo degli Stati Uniti con l’obiettivo di interrompere bruscamente gli sforzi del governo bolivariano di garantire il diritto all’alimentazione, alla salute e altri diritti fondamentali del popolo venezuelano”, si legge nel comunicato. Arreaza ha sostenuto che Saab è “un agente del governo bolivariano del Venezuela” ed era in viaggio “con l’obiettivo di garantire l’acquisizione di cibo per i Comitati locali di approvvigionamento e produzione (Clap) oltre a farmaci, forniture mediche e altri beni umanitari usati nell’ambito della pandemia di Covid-19”. (Brb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE