ENERGIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Energia: Putin, Russia sta discutendo calo prezzi petrolio con Opec e Stati Uniti (2)

Mosca, 01 apr 20:41 - (Agenzia Nova) - L’emergenza della pandemia di coronavirus che ha colpito i principali mercati mondiali, dalla Cina agli Stati Uniti, sta portando ad una flessione della domanda di petrolio che avrà conseguenze sull’interno settore nel lungo periodo. Oggi sia la quotazione del Wti che quella del Brent hanno registrato ribassi superiori al 2 per cento e al 3 per cento e si sono nuovamente avvicinati ai minimi toccati tra la fine del 2001 e l’inizio del 2002, attestandosi rispettivamente intorno ai 20 e ai 25 dollari al barile. Secondo un recente rapporto di Goldman Sachs, la domanda di greggio per aprile si attesterà intorno ai 20 milioni di barili al giorno, rappresentando un “punto di svolta per l’industria”. Il crollo della domanda ha già spinto diversi operatori del settore a ridurre i processi di lavorazione e le trivellazioni, mentre i serbatoi di stoccaggio rischiano di esaurire la loro capacità. Secondo Ihs Markit, entro la metà del 2020 i serbatoi di stoccaggio in tutto il mondo non avranno più la capacità di contenere il petrolio immagazzinato. Ieri l’American Petroleum Institute (Api) ha riferito che gli inventari di petrolio greggio degli Stati Uniti sono aumentati di 10.485 milioni di barili durante la settimana conclusasi lo scorso 28 marzo a causa delle misure di contenimento imposte per far fronte al coronavirus. (segue) (Rum)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE