CORONAVIRUS

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Coronavirus: Azzolina, via libera a decreto su esami, valutazione anno sarà coerente con quanto svolto

Roma, 06 apr 21:16 - (Agenzia Nova) - Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera oggi al decreto legge che contiene le norme relative agli esami di Stato e alla valutazione delle studentesse e degli studenti per l'anno scolastico 2019/2020. Provvedimenti che tengono conto dell'emergenza coronavirus. E' quanto comunica, in una nota, il ministero dell'Istruzione. "La scuola ha affrontato questa emergenza con grande capacità di reazione, il Paese deve esserne fiero - sottolinea il ministro Lucia Azzolina -. Ringrazio di nuovo tutto il personale, le famiglie, gli studenti. C'è stato uno sforzo importante da parte di tutti. La didattica a distanza ci ha aiutato a salvare l'anno scolastico. Non sostituisce e non potrà mai sostituire del tutto, ovviamente, la didattica in presenza. Ma era l'unica risposta possibile per non lasciare soli bambini e ragazzi e garantire loro il diritto allo studio previsto dalla Costituzione". L'esponente dell'esecutivo, poi, avverte che "i problemi non sono mancati e sarà necessario aprire presto una riflessione sullo stato di digitalizzazione del Paese e della scuola stessa, ma il ministero è stato e resta al fianco delle scuole per risolverli. Gli 85 milioni stanziati per supportare la didattica a distanza, messi subito a disposizione degli istituti che li stanno già utilizzando, ne sono una dimostrazione. Con il decreto approvato oggi facciamo un altro passo avanti e tracciamo la strada per accompagnare la scuola fino in fondo a questo anno scolastico e per cominciare a disegnare il prossimo, che ne rappresenterà una naturale prosecuzione". Il decreto, che ora sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale, per poi essere convertito dal Parlamento, mette in sicurezza l'anno scolastico 2019/2020 e traghetta le scuole verso il 2020/2021. Per Azzolina, "tutto ciò che è stato fatto sarà valorizzato. Quel che non si è potuto fare per difficoltà oggettive sarà recuperato, nell'interesse degli studenti e dei bambini. Mettiamo al centro i diritti dei ragazzi. Nessuno sarà lasciato indietro. Ci sarà una valutazione seria e coerente con quanto svolto durante tutto l'anno". (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE