CINA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Cina: il governo chiede al settore bancario di raddoppiare il credito al settore privato (5)

Pechino, 14 nov 2018 05:20 - (Agenzia Nova) - A guidare la presa d’atto pubblica dei timori economici che gravano sul paese ha contribuito anche il premier cinese Li Keqiang, che il 24 ottobre scorso ha dato una lettura simile a quella del Politburo riguardo le attuali problematiche, durante una riunione della Federazione nazionale dei sindacati cinesi. In quell’occasione, Li ha dichiarato che “molte aziende affrontano difficoltà, e la fiducia del mercato è stata influenzata dall’aumento delle pressioni ribassiste”. Durante il suo discorso di apertura del Ciie, Xi ha tenuto però ad esprimere ottimismo e fiducia: la prima Economia asiatica, ha detto il presidente, “è un oceano, non uno stagno”. “Ci sono momenti nei quali il mare è calmo, e altri in cui è agitato da tempeste e correnti. Le tempeste possono sconvolgere uno stagno, ma non il mare”, ha affermato il capo di Stato cinese. “Il mare non è cancellato da tempeste o correnti, per quanto numerose. Dopo oltre 5 mila anni di difficoltà e fatiche, la Cina è ancora qui, e rimarrà qui in futuro”, ha affermato Xi. (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE