USA

 
 
 

Usa: Pentagono schiera 1.600 militari a Washington in risposta alle proteste

New York, 03 giu 09:04 - (Agenzia Nova) - Il dipartimento della Difesa Usa ha ordinato lo schieramento di 1.600 militari alle porte di Washington Dc, in risposta alle proteste e ai saccheggi seguiti nei giorni scorsi all’uccisione del cittadino afroamericano George Floyd da parte di un agente di polizia a Minneapolis. I militari mobilitati dal Pentagono sono di stanza presso le basi di Fort Bragg e Fort Drumm. Lunedì, primo giugno, Trump aveva minacciato l’impiego della polizia militare e dell’Esercito per frenare le proteste che infiammano da giorni le principali città degli Stati Uniti, segnate da saccheggi degli esercizi commerciali e aggressioni a cittadini inermi. Fort Bragg ospita l’82ma Divisione aviotrasportata dell’Esercito; il trasferimento dei militari è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì 2 giugno. Al momento i militari si trovano alle porte della capitale, pronti a intervenire nel caso si dovessero ripetere gli atti di violenza su larga scala dello scorso fine settimana. Proprio lo scorso fine settimana, il presidente Trump avrebbe trascorso almeno un’ora in un bunker sotto la Casa Bianca, dopo che le agenzie di sicurezza avevano segnalato il rischio di autobombe nel contesto delle proteste verificatesi all’esterno della residenza presidenziale. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE