SUD SUDAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Sud Sudan: violenze intercomunitarie a Jonglei, Msf teme “centinaia” di vittime

Giuba, 20 mag 18:09 - (Agenzia Nova) - Centinaia di persone potrebbero essere state uccise nei combattimenti tra pastori e comunità agricole riesplosi lo scorso fine settimana nella città di Pieri, nello stato di Jonglei, nel sud-est del Sud Sudan. È quanto denuncia in un comunicato l’organizzazione non governativa Medici senza frontiere (Msf), secondo cui fra le vittime c’è anche un suo operatore. Negli scontri sono state inoltre date alle fiamme diverse abitazioni e saccheggiati depositi delle agenzie umanitarie che operano nella regione, mentre si segnalano rapimenti di donne e bambini e furti di bestiame. Le agenzie di sicurezza affermano inoltre di aver recuperato centinaia di armi da fuoco illegali tra cui fucili e bombe. “Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie, agli amici e ai colleghi del nostro staff e a tutte le persone colpite”, ha affermato Steve MacKay, vice capo missione di Msf in Sud Sudan. “Condanniamo nei termini più forti possibili gli oltraggiosi atti di violenza intercomunitaria che hanno provocato il ferimento di decine di persone e (temiamo) di molti più morti”, ha aggiunto. “Gli episodi ricorrenti di violenza intercomunitaria continuano ad avere conseguenze devastanti per la popolazione. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE