LIBIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Libia: missione Ue condanna uccisione di 30 migranti a Mizda

Tripoli, 31 mag 15:49 - (Agenzia Nova) - La delegazione dell’Unione europea e i capi missione delle ambasciate europee in Libia hanno condannato l’uccisione di trenta migranti, per la maggior parte di nazionalità bengalese, avvenuta il 27 maggio a Mizda, a sud di Tripoli. In un comunicato stampa, la missione Ue ha accolto con favore l’apertura di un’inchiesta su questo “terribile crimine” e si aspetta che i responsabili siano portati davanti alla giustizia. Mercoledì 27 maggio, il ministero dell’Interno del Governo di accordo nazionale di Tripoli ha denunciato che trenta migranti sono stati uccisi e undici feriti nella città libica di Mizda in una “vendetta” per la morte di un trafficante di esseri umani. Il presunto trafficante classe 1990 e residente a Mizda, riferisce il comunicato, è stato ucciso dai migranti che egli stesso stava trafficando. “La famiglia della vittima si è vendicata uccidendo 26 persone di nazionalità del Bangladesh e quattro africani. Altri undici migranti sono stati feriti e portati nell’ospedale di Zintan per ricevere le cure. Il ministero ha diramato una circolare alle direzioni della sicurezza di Mizda per prendere tutte le iniziative e gli adempimenti legali necessari per trovare i responsabili. La legge non consente di farsi giustizia da soli”, si legge nella nota. (segue) (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE