SIRIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Siria: Makhlouf trasferisce possedimenti in banche e assicurazioni a sua associazione benefica

Damasco, 29 mag 09:02 - (Agenzia Nova) - Rami Makhlouf, uomo d’affari siriano e cugino del presidente Bashar Al Assad, ha deciso di trasferire i propri averi depositati in banche e investiti in compagnie assicurative all’associazione benefica Ramak, da lui stesso fondata lo scorso anno. Il 22 maggio, le autorità siriane hanno stabilito che Makhlouf non potrà lasciare la Siria. Il tribunale amministrativo ha emesso una sentenza che impedisce a Makhlouf di attraversare i confini, dopo un reclamo presentato dal ministero delle Comunicazioni, l’ente che chiede alla società telefonica Syriatel - che vede Makhlouf alla guida del Consiglio di amministrazione – di pagare ingenti somme in tasse arretrate. Il decreto pubblicato dall'Autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni impedisce a Makhlouf di lasciare temporaneamente il paese, in attesa della determinazione del caso o del pagamento delle somme che ne derivano. Secondo quanto riferisce l’emittente televisiva di proprietà saudita “Al Arabiya “, Ihab, fratello di Rami Makhlouf, avrebbe annunciato le sue dimissioni da Syriatel e ha ribadito la sua lealtà nei confronti di Assad. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE