CORONAVIRUS

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Coronavirus: Berlusconi al "Corriere della Sera", il governo fa solo annunci (2)

Roma, 09 apr 10:07 - (Agenzia Nova) - In questa fase si vince se si sta insieme, oppure a perdere è l'Italia. Con profondo rammarico abbiamo preso atto che anche le indicazioni del presidente Mattarella, che ha auspicato unità, sono state palesemente ignorate. Hanno respinto tutti i nostri più significativi emendamenti, hanno addirittura posto la fiducia con una scelta a dir poco incomprensibile. Sono loro che ci hanno messo nelle condizioni di non votare il decreto". Dall'opposizione è facile dire 'tutto sbagliato'. "Il motore del paese è fermo, serve liquidità. Per questo a chi è stato costretto a fermarsi, agli autonomi, alle partite iva, ai professionisti, il governo avrebbe dovuto dare un reddito di almeno mille euro come avevamo proposto. Avremmo voluto che le scadenze fiscali e amministrative fossero sospese per un periodo molto più lungo, perché gli italiani non possono vivere con l'angoscia di dover pagare tra due mesi le tasse. Abbiamo chiesto di semplificare le procedure per la cassa di integrazione e di reintrodurre i voucher per l'agricoltura e i servizi alla persona". "Bisogna reinvestire nel turismo, - aggiunge il presidente - bisogna occuparsi a fondo del terzo settore, fare qualcosa di più per lo sport amatoriale. Il decreto invece è un colabrodo: si fa troppo poco per una platea che è enorme. Sottovalutazione imperdonabile. Ma non ci arrendiamo. Speriamo che il passaggio alla Camera ci dia la possibilità di collaborare in modo costruttivo per migliorare il decreto". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE