CINA-CANADA

Mostra l'articolo per intero...
 
 
 

Cina-Canada: caso Meng Wanzhou, ambasciata cinese a Ottawa si oppone a sentenza

Pechino, 29 mag 08:50 - (Agenzia Nova) - La Cina si oppone ed è delusa per la sentenza del tribunale canadese sul caso della direttrice finanziaria di Huawei Meng Wanzhou. Lo ha dichiarato un portavoce dell'ambasciata cinese in Canada. Un tribunale canadese ha stabilito il 27 maggio che il caso sull'estradizione negli Stati Uniti della manager può proseguire. La dirigente, figlia del fondatore e amministratore delegato della società Ren Zhengfei, è stata arrestata in Canada il primo dicembre 2018 su richiesta degli Stati Uniti per il sospetto di aver violato le sanzioni statunitensi contro l'Iran e la Siria. L'ambasciata ha affermato che gli Stati Uniti e il Canada hanno abusato del loro trattato bilaterale di estradizione e hanno preso arbitrariamente misure contro un cittadino cinese senza motivo. Secondo l'ambasciata, la mossa degli Stati Uniti è volta a far cadere il gigante della tecnologia Huawei e altre società tecnologiche cinesi a causa di scopi politici. "Questo è un grave incidente politico che viola gravemente i diritti e gli interessi legittimi del cittadino cinese", afferma la dichiarazione, aggiungendo che la Cina difenderà risolutamente i diritti e gli interessi legittimi delle sue imprese e dei suoi cittadini. (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE