SPECIALE DIFESA

 
 
 

Speciale difesa: Germania, decisione su sostituzione Tornado dopo Pasqua

Berlino, 10 apr 15:15 - (Agenzia Nova) - Il ministro della Difesa tedesco, Annegret Kramp-Karrenbauer, deciderà dopo le vacanze di Pasqua quale aereo sostituirà gli ormai vetusti cacciabombardieri Tornado in dotazione alla Luftwaffe,prodotti dal consorzio Panavia. Come riferisce il quotidiano “Frankurter Allgemeine Zeitung”, i 93 Tornado che con 141 caccia multiruolo Eurofigher compongono la flotta della Luftwaffe, sono sempre più costosi da mantenere in ragione della loro età di servizio. Inoltre, sono operativi soltanto 83 Tornado, mentre 10 vengono utilizzati per l'addestramento a terra nonché per test tecnici. Secondo alcune indiscrezioni, dal 2025 la Luftwaffe potrebbe sostituire i cacciabombardieri di Panavia con massimo 90 Eurofighter e 45 F-18, sia “Super Hornet” sia “Growler”, prodotti rispettivamente dal consorzio europeo Airbus e dall'azienda aerospaziale statunitense Boeing. I nuovi aerei verranno equipaggiati per la guerra elettronica e ai fini della partecipazione della Germania alla deterrenza nucleare degli Stati Uniti in ambito Nato. Il piano di ammodernamento della Luftwaffe non intende soltanto superare l'obsolescenza dei Tornado, ma anche conciliare le esigenze della politica per la difesa con quelle di politica industriale, in cui sono coinvolti forti interessi in Baviera. È, infatti, in questo Land che ha sede la divisione per gli armamenti di Aribus, con gli Eurofighter che completano l'assemblaggio presso l'impianto di Manching. Allo stesso tempo, per rinsaldare il legame tra Germania e Stati Uniti, gli F-18 sarebbero stati scelti in quanto più adatti all'impiego di armi nucleari. In particolare, alla Luftwaffe dovrebbero essere consegnati 30 “Super Hornet” e 15 “Growler”. Agli Eurofighter dovrebbero spettare, invece, i compiti già dei Tornado: caccia, impiego di bombe tradizionali e ricognizione aerea. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE